A Venezia per l’impresa

Posted By Dimitri Benes on 22 Ott, 2013 in maratona | 1 comment


Venice Marathon 132Domenica mattina mi telefona Andrea: “Non lavori oggi?” “No, sono libero.” E ancora: “Pensavi di andare a correre?” “Si”, rispondo, ” ho in programma 6 ripetute sui 2000… vado tra una mezzoretta…” “Perfetto!” è la sua risposta, e ci diamo appuntamento a casa sua. Pur conoscendolo bene, sono un po’ dubbioso, per lui: provare un allenamento così impegnativo ad una settimana dalla maratona di Venezia, la gara dell’anno… non sarà un po’ troppo? Boh, non poniamoci troppe domande.
Stiamo chiaccherando durante il riscaldamento, mi racconta cosa ha fatto ieri. Un lungo da 35 km! E neanche tanto lento… sono ancora più preoccupato (per lui)… non sarà forse un po’ troppo?!? Partiamo con i primi 2000, io prudente, lui pimpante… alla fine ci facciamo compagnia in una ripetuta nè troppo lenta nè troppo veloce… un chilometro di riposo e via per la seconda: vado forte, Andrea (per fortuna) si stacca subito, dopo un km è qualche metro dietro, non voglio esagerare con il ritmo ma lo tengo costante, finisco il secondo sforzo ed Andrea mi raggiunge pochi metri dopo… “Cavoli Dimitri, complimenti” mi fa… tra me e me penso: “Ma mi sfotte? Questo fa 35 km ed il giorno dopo tiene botta su un 2000 corso in 8′ e fa i complimenti a me?!” ma riesco a dirgli solo: “Cavoli, complimenti a te…” che poi è la stessa cosa. Si parte per la terza, anche qui si stacca subito e stavolta molla un po’ il colpo… sul finire sento più di un campanello d’allarme, l’intestino sembra attorcigliato, termino la ripetuta e dietro il cespuglio passo al pit-stop, velocissimo tra l’altro… Andrea mi raggiunge e ripartiamo insieme, quarta ripetuta: partiamo e sono tutto sconvolto, provo a tener duro ma in queste condizioni è difficile. Dopo il primo km Andrea mi raggiunge (l’ho corso in 4’09”… mica ero fermo!) e si mette a tirare… il diesel si è scaldato! Provo a tenerlo, ed a fatica termino la ripetuta con lui; sono ancora tutto sottosopra, i problemi all’intestino incidono parecchio; provo con la quinta, troppo lento, e dopo poco più di un km mollo con la testa e mi fermo; Andrea, ovviamente, era lì con me, e sarebbe andato sicuramente avanti.

Ha corso più di 100 km in media a settimana nell’ultimo mese, 600 km nell’ultimo mese e mezzo; vi ho descritto come ha tenuto nelle ripetute dopo un lungo di 35 km; nell’ora di Buttrio è andato tranquillo sopra i 14 km/h. Le motivazioni quest’anno sono più alte che mai. Secondo me quest’anno terrà molto bene la seconda metà. Secondo me, quest’anno come sempre andrà forte nella prima metà. Cosa ne dite di 1h30′ alla mezza, 1h40′ la seconda mezza? Oppure un più saggio 1h32′-1h38′? Sapete quanto fa il totale?
Forza Andrea, all’attacco… siamo tutti con te!!!

1 Comment

  1. Da Andrea mi aspetto sempre grandi cose…
    Forza Andrea anche da parte mia!!!

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.